Lydia Cacho, la giornalista che sfida i potenti contro la tratta

Lydia Cacho, foto da Alchetron.com
Foto da Alchetron.com

Chi è: Lydia Cacho Ribeiro (Città del Messico, 12 aprile 1963) è una giornalista, scrittrice e attivista messicana.

Cosa ha fatto: è figlia di una psicologa femminista, e fin da bambina ha accompagnato la madre che lavorava nelle periferie più inaccessibili del Messico. Durante i colloqui professionali della madre, Lydia cercava di interagire con bambini e bambine del posto, scoprendo il degrado in cui vivevano, e apprendendo che alcune di esse non conoscevano nemmeno l’uso della matita per disegnare. L’influenza della madre è stata determinante per fare in modo che lei affiancasse l’attivismo al lavoro di giornalista: alla fine degli anni Novanta ha fondato a Cancun il Ciam (Centro di attenzione alla donna), una casa-rifugio per donne vittime di violenza. Si batte per rendere pubblici gli sfruttamenti dei minori vittime di pedopornografia, senza paura di “pestare i piedi” a personaggi di spicco della politica e dell’economia messicana. E’ sopravvissuta a detenzioni illegittime, sabotaggi e vari tentativi di assassinio per le sue inchieste. Nel 2007 Amnesty International le ha assegnato il “Ginetta Sagan Award for Women and Children’s Rights”  e nel 2008 ha ricevuto l’UNESCO/Guillermo Cano World Press Freedom Prize.

Perché è “pasionaria”: ha cominciato ad occuparsi di diritti delle donne a 23 anni. Le sue opere nascono dal lavoro di reporter, ed evidenziano il lavoro di indagine sul traffico di migliaia di bambine e ragazze di vari Paesi del mondo, in particolare del Messico. Queste attività l’hanno resa bersaglio di minacce di morte, dopo la pubblicazione del libro “I demoni dell’Eden” nel 2005: la giornalista ha accusato apertamente un potente uomo d’affari messicano, Jean Succar Kuri, di essere il leader di una rete internazionale di pedofili che sfruttano la prostituzione minorile. Kuri è molto ben inserito nel contesto politico messicano, e le sue influenti amicizie che occupano le più elevate cariche governative del Paese lo sostengono nel cercare di sradicare le attività della donna. Il 16 Dicembre 2005, a Cancun, Lydia Cacho è stata sequestrata dalla polizia messicana e trasferita in un penitenziario all’estremo nord del Paese. Il viaggio durò un intero giorno, durante il quale la donna ha subìto violenze fisiche e minacce di morte, scatenando la solidarietà dell’opinione pubblica internazionale. Grazie alle verità esposte dalla Cacho, Kuri, nel 2011 è stato condannato a 112 anni di carcere,a seguito di una sentenza considerata storica per il Messico, un Paese dove la criminalità è spesso sostenuta da personaggi ai vertici dello stato. Dopo la pubblicazione de “I demoni dell’Eden”, è seguita quella dell’opera autobiografica “Memorie di un’infamia” e di “Schiave del potere”, dove traccia una mappa globale della tratta di donne e bambine in un circuito di pedopornografia che coinvolge  esponenti di spicco del mondo degli affari e della politica messicana.

pasionarialogo“Di fronte a questa immagine, ricacciando il pianto in gola, penso che, in realtà, non mi pento di nulla. Spero di diventare vecchia e di tornare a guardare questa fotografia di Anna (ndr. Politkovskaya, che aveva ricevuto lo stesso premio nel 2002) come memento della realtà mondiale; ma, se così non dovesse essere, credo con tutto il cuore che il Messico possa cambiare e che – prima o poi – vi esisterà un’autentica democrazia. Credo nel ruolo del giornalismo come lanterna del mondo, come diritto della società a sapere e capire, e credo che i diritti umani non siano negoziabili. Per quanto le nostre storie individuali lentamente si dissolvano, i piccoli passi avanti non svaniranno. Il mio non è il caso di una donna: è quello di un paese. E il Messico è ben altro e ben di più che un pugno di governanti corrotti, di imprenditori ambiziosi e di criminali organizzati. Possono cancellarmi dai media, possono anche eliminarmi fisicamente. Quel che mai potranno negare è l’esistenza di questa storia, eliminando la mia voce e le mie parole. Finché sarò viva continuerò a scrivere e finché scriverò continuerò a essere viva”.

Lydia Cacho ha scritto queste parole a poche ore dalla cerimonia di consegna del premio Iwmf (International women’s media Foundation), che le venne assegnato nel 2007.

Fonte: ilreportage.eu

Elli Sensi Pecora

Cantante per passione, psicologa per vocazione, gattara per devozione. Adora le auto gialle e girare per il Campidano in moto, detesta i fronzoli e i giri di parole. E’ femminista da quando un maschio villoso le disse che doveva radersi le ascelle per ragioni igieniche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here