Germaine Greer e le donne “castrate”

 

Germainecrop

Chi è: Germaine Greer è una scrittrice, giornalista e accademica australiana nata a Melbourne il 29 gennaio 1939.

Cosa ha fatto: è docente di letteratura inglese all’Università di Warwick in Inghilterra. Ha scritto molti libri sulla condizione femminile trattando temi tabù come la fertilità e la menopausa. Il più famoso, “L’eunuco femmina”, ha suscitato scalpore in tutto il mondo. Un altro suo libro è “The Beautiful Boy” per cui è stata accusata, tra le altre cose, di pedofilia, per la presenza di foto di giovani ragazzi semi-nudi.

Perché è “pasionaria”: il suo libro “L’eunuco femmina” ha questo nome perchè secondo l’autrice le donne sono state “castrate” da sempre come individui, quindi è necessaria ora la liberazione sessuale e individuale. La Greer vuole precisare che è importante “la liberazione” delle donne e non “l’uguaglianza” con gli uomini: le donne in questo processo devono “abbracciare” le differenze di genere, perchè volendo solo l’uguaglianza si finirebbe con l’adeguarsi e assimilarsi all’uomo e quindi vivere come “uomini non liberi”. Inoltre l’autrice sottolinea, non solo nella sua opera, l’importanza della riappropriazione del corpo femminile dalle donne: schiave di una società in cui siamo “imprigionate” nel nostro corpo e giudicate con un occhio e una voce che fino ad ora sono state solo maschili. La schiavitù della donna inoltre costringe anche l’uomo in un ruolo opprimente di machismo.

Per saperne di più: ecco la sua pagina su Wikipedia. Potete curiosare anche sul suo profilo Twitter o sui suoi post sul The Guardian.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.