Mostra “Violate” – Mediateca del Mediterraneo

    Sto caricando la mappa ....

    Data
    12/05/2017 - 27/05/2017
    9:00 - 21:00

    Luogo
    Mediateca del Mediterraneo

    Categorie


     

     

    Venerdì 12 Maggio presso il primo piano della Mem – Mediateca del Mediterraneo, inaugurerà “Violate”, mostra composta da dieci illustrazioni stampate su tela donata da Lelio Bonaccorso  alla campagna “Posto Occupato”, visitabile fino a sabato 27 maggio.

     

    La mostra, come spiega la stessa Maria Andaloro, «si chiama Violate perché violate sono le donne alle quali si manca di rispetto.

     

    Violate sono le donne ignorate.

    Violate sono le donne manipolate.

    Violate sono le donne abusate.

    Violate sono le donne assassinate.

     

    Le opere esposte rappresentano le diverse modalità con le quali le donne, di ogni età e condizione, subiscono un abuso, correggendo la prospettiva con la quale si tollerano alcune pratiche quotidiane fino ad arrivare alla denuncia degli atti più eclatanti, che culminano con il femminicidio: sono dunque illustrate violenze come la molestia sul lavoro, l’orrore delle spose bambine, la tortura dell’acido o delle percosse, la lacerazione psicologica indotta vedendo la tragedia abbattersi sulle persone care.

    Dalle dieci tele emerge un’umanità femminile varia, accomunata dalla solitudine che le avvolge in un silenzio del quale si nutre la spirale della violenza, spesso patita fino all’ultimo respiro.

    Tutte violenze che sono rintracciabili nel quotidiano di troppe realtà. Un fenomeno senza distinzione geografica, economica e sociale».



    [ TORNA ALLA LISTA DEGLI EVENTI ]

    Alessandra D. Arru

    Creativa, attivista lgbti+,femminista. Fondatrice del gruppo facebook “Bisessualità e Pansessualità Sardegna: gruppo di supporto e contronto” . Cagliaritana, ha vissuto per quattro anni a Firenze, ora è di nuovo a Cagliari, in futuro chissà. Appassionata di serie tv, ama dipingere, leggere, si emoziona facilmente con musica, poesia e guardando negli occhi il suo cane. Non sopporta discriminazioni e ingiustizie.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here