Edna O’Brien, voce delle donne nell’Irlanda bigotta

edna

Chi è: Edna O’Brien, scrittrice irlandese, nata a Tuamgraney il 15 Dicembre 1930.

Cosa ha fatto: è nata in un un villaggio della contea di Clare, nel cuore di un’Irlanda rurale e fortemente condizionata dal cattolicesimo. Studiò a scuola dalle suore fino al compimento dei sedici anni: la costrizione educativa la spinse ad iniziare a ribellarsi contro le rigide tradizioni familiari. Si diplomò come farmacista nel 1950 e andò a vivere e a lavorare a Dublino. Dopo quattro anni, sposò contro il parere dei parenti lo scrittore Ernest Gébler dal quale ebbe due figli. La coppia si trasferì a Londra, dove Edna comprese di volersi dedicare alla carriera di scrittrice e iniziò facedosi assumere come lettrice dalla casa editrice Hutchinson. Il suo primo romanzo, The Country Girls (Ragazze di campagna) è stato scritto in soli tre mesi ed è uscito nel 1960. Le protagoniste sono due amiche, la romantica Caithleen e la sfrontata Babà, che decidono di lasciare il collegio di suore del loro cattolicissimo paese di campagna irlandese per scappare nella grande città. Il romanzo suscitò reazioni di sdegno e condanna che andarono ben oltre le intenzioni di una sconosciuta autrice poco più che ventenne: il libro fu bruciato sul sagrato delle chiese e messo all’indice per aver raccontato, per la prima volta con sincerità e in maniera esplicita, il desiderio di una nuova generazione di donne che rivendicava il diritto di poter vivere e parlare liberamente della propria sessualità.

Perché è “pasionaria”: la scrittrice si trovò contro la Chiesa, la famiglia d’origine, i vicini, i preti e i politici irlandesi, che si scagliarono contro di lei perché negli anni Sessanta i suoi libri sembravano troppo audaci e irriverenti per essere scritti da una donna. Per anni le hanno detto che i suoi romanzi erano uno sfregio e un affronto al modello femminile irlandese. Anche nel mondo femminista ha suscitato confronti accesi: alcune femministe non le hanno mai perdonato di raccontare la dialettica fra uomo e donna come vitale e ineludibile, nonostante talvolta possa essere dolorosa. Edna ha sempre acclamato, comunque, il movimento femminista, per aver fatto ottenere più libertà e più diritti per le donne nella sfera pubblica e sociale.

Elli Sensi Pecora
Cantante per passione, psicologa per vocazione, gattara per devozione. Adora le auto gialle e girare per il Campidano in moto, detesta i fronzoli e i giri di parole. E' femminista da quando un maschio villoso le disse che doveva radersi le ascelle per ragioni igieniche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here