Doris Lessing, la narratrice dell’emancipazione femminile

get-doris-lessing-escritora

Chi è: Doris Lessing (all’anagrafe Doris May Tayler), scrittrice britannica, nata a Kermanshah (attuale Iran) il 22 Ottobre 1919.

Cosa ha fatto: è nata in Persia (oggi Iran) e cresciuta in Rhodesia del Sud (oggi Zimbabwe). Lasciò la scuola a quindici anni e studiò da autodidatta. Si sposò e divorziò due volte. Pubblicò il primo romanzo nel 1950, in concomitanza con il secondo divorzio e con il trasferimento in Gran Bretagna. Nella sua carriera ha scritto più di 50 libri tra romanzi, saggi e raccolte di poesie. Nel 2007,  fu l’undicesima donna a vincere il Premio Nobel per la Letteratura. Era, inoltre, la più anziana fra gli autori e le autrici ad essere premiata: aveva 88 anni.  E’ diventata famosa la scena in cui le venne comunicata la notizia dell’assegnazione del premio: la scrittrice stava tornando a casa dopo aver fatto la spesa, un giornalista le chiese se avesse saputo la notizia e quando le spiegò che aveva vinto il Nobel, lei poggiò le buste della spesa per terra e rispose: “Oh Cristo!”.

Perché è “pasionaria”: Doris Lessing nei suoi libri ha sempre dato voce alle esperienze femminili. Nonostante non si sia mai voluta etichettare come femminista, il suo romanzo del 1962, Il taccuino d’oro, è considerata da sempre una delle opere più rappresentative della letteratura femminista. E’ un classico che racconta l’emancipazione delle donne con tutte le sue difficoltà, un libro straordinario e terribile, che ritrae l’universo femminile in modo impietoso: parla di donne sole per scelta, donne libere e fuori dagli schemi, donne forti, spaventate e fragili, donne che pagano ogni giorno le conseguenze delle proprie decisioni anticonformiste. La vita stessa di Doris Lessing è un esempio di come si può vivere senza essere imbrigliate in restrizioni politiche, sociali o culturali.

Nota gattara: per Doris Lessing, i gatti sono sempre stati esseri speciali. Il primo gatto lo accarezzò quando viveva ancora in Persia, con la famiglia: aveva tre anni e fu amore a prima vista, nella convinzione che ogni gatto è unico e irripetibile. Nel romanzo breve “Gatti molto speciali” del 1967, la scrittrice racconta la sua vita e quella delle persone che ha amato attraverso gli occhi dei gatti che ha incontrato. La narrazione fluttua tra malinconia e divertenti aneddoti, in uno stile limpido e commovente.

collagedorislessing

Elli Sensi Pecora
Cantante per passione, psicologa per vocazione, gattara per devozione. Adora le auto gialle e girare per il Campidano in moto, detesta i fronzoli e i giri di parole. E' femminista da quando un maschio villoso le disse che doveva radersi le ascelle per ragioni igieniche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here