Aborto, #ObiettiamoLaSanzione non si ferma: nuovo tweet bombing

anarkikka2
Vignetta di Anarkikka

Ricordate l’appello contro le sanzioni sugli aborti clandestini lanciato con l’hashtag #ObiettiamoLaSanzione? Il tweet bombing aveva avuto molto successo, ma in quindici giorni dal governo non è arrivata nessuna risposta esaustiva.

Non sono servite l’interrogazione in commissione Giustizia (a cui è arrivata una replica insoddisfacente) e le due proposte di legge per far rispettare la 194 (una di Possibile e una di Sel) e neanche la lettera che le stesse attiviste promotrici dell’appello (tra cui noi di Pasionaria) hanno inviato all’Intergruppo parlamentare per le donne, presieduto dalla presidente della Camera Laura Boldrini.

Per questo le stesse femministe che hanno fatto partire la campagna, hanno deciso di rilanciarla in occasione dell’8 marzo, Giornata internazionale della Donna. Una data simbolica, per far capire che non smetteremo di lottare affinché lo Stato non colpevolizzi le donne in difficoltà ma intervenga per garantire un aborto sicuro arginando il dilagare dell’obiezione di coscienza (la cui media negli ospedali pubblici – ricordiamo – è del 70%).

L’appuntamento è martedì 8 marzo su Twitter dalle 12 alle 14, per un nuovo tweet bombing indirizzato al presidente del Consiglio Matteo Renzi, responsabile delle Pari Opportunità del Governo in assenza di un ministro delegato a questi temi, che in Italia manca da anni e il premier non si è ancora deciso a nominare nonostante le richieste di tante associazioni e soprattutto dei centri antiviolenza.

Ecco il testo per il tweet, a cui va allegata la vignetta di Anarkikka che trovate in questa pagina:

A @matteorenzi responsabile Pari Opportunità: L’OTTO PER LE DONNE. E TU? #‎ObiettiamoLaSanzione

Girate la voce: abbiamo bisogno di tutt* per continuare a tenere alta l’attenzione sull’ingiusto aumento di sanzioni alle donne costrette all’aborto clandestino e su una corretta applicazione della legge 194. Per vincere ci vuole costanza e determinazione!

2 COMMENTI

  1. […] Sul blog Pasionaria le ragioni dell’iniziativa: «Non sono servite l’interrogazione in commissione Giustizia (a cui è arrivata una replica insoddisfacente) e le due proposte di legge per far rispettare la 194 (una di Possibile e una di Sel) e neanche la lettera che le stesse attiviste promotrici dell’appello (tra cui noi di Pasionaria) hanno inviato all’Intergruppo parlamentare per le donne, presieduto dalla presidente della Camera Laura Boldrini».  […]

LASCIA UN COMMENTO